Il Commento

Il Prorettore Biagini a Podgorica

Il Prorettore Biagini a Podgorica:
“Attraverso gli scambi scientifici e culturali daremo corpo ad una nuova fase della tradizionale amicizia tra Italia e Montenegro”

Il Prorettore Biagini a Podgorica

L’apertura della conferenza scientifica internazionale “One hundred and thirty years of establishing diplomatic relations between Montenegro and the great powers after acquiring independence in 1878” è stata l’occasione per rilanciare attraverso la cooperazione accademica e culturale la storica amicizia tra l’Italia e il Montenegro. La cerimonia di apertura della conferenza scientifica, organizzata dall’Istituto Storico del Montenegro, si è tenuta presso il Rettorato dell’Università del Montenegro di Podgorica ed ha visto gli interventi del Primo ministro Milo Djukanovic, del Rettore Predrag Miranovic e del Direttore dell’Istituto Storico Radoslav Raspopovic, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia Sergio Barbanti e del nostro Prorettore alla Cooperazione e ai Rapporti Internazionali Antonello Biagini. Il Rettore, prof. Miranovic, ha enfatizzato l’alto significato che la conferenza scientifica internazionale, con studiosi provenienti da otto Paesi, quale “evento scientifico per l’Università del Montenegro e per la scienza storica in Montenegro”, creando le condizioni per una “reale modernizzazione della scienza montenegrina, grazie allo scambio di esperienze nei metodi e nei nuovi indirizzi della ricerca scientifica”. Il Primo ministro Djukanovic ha quindi evidenziato l’importanza di stabilire “rapporti molteplici e utili per tutti nell’ambito della cooperazione scientifica e interuniversitaria”, soprattutto dopo l’indipendenza, in quanto con l’estero il “giovane Stato del Montenegro ha la particolare necessità di rafforzare i propri rapporti scientifici e culturali: e tali conferenze sono occasioni importanti a tale scopo”.
Dopo gli interventi del Primo ministro del Montenegro, del Rettore dell’Università e del Direttore dell’Istituto Storico sono stati firmati due Accordi di cooperazione scientifica e accademica di rilevante interesse per l’Istituto Storico del Montenegro: uno russo–montenegrino, con l’Istituto di Studi Slavi dell’Accademia delle Scienze di Mosca, l’altro con il Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea della Sapienza di Roma, firmato dal Prorettore Biagini. Al termine dell’incontro il Rettore Miranovic ha evidenziato l’importanza di questi accordi, a riprova dell’apertura dell’Università montenegrina a ulteriori collaborazioni internazionali e al sostegno di un moderno confronto scientifico delle idee. Il Prorettore Biagini ha inoltre espresso ai colleghi montenegrini, in particolar modo al Rettore Miranovic, al Direttore Raspopovic e all’omologa Prorettrice Mira Vukcevic, i sinceri ringraziamenti per la calorosa accoglienza e le congratulazioni per l’iniziativa scientifica. Il Prorettore della Sapienza si è altresì impegnato perche' attraverso gli scambi scientifici e culturali la Sapienza di Roma, coerentemente con la strategia per una reale internazionalizzazione universitaria che il Rettore Luigi Frati ha indicato come obiettivo prioritario per il primo Ateneo di Roma, rilanci proprio con l’Università del Montenegro una nuova fase della tradizionale amicizia tra Italia e Montenegro, raccogliendo sulle prossime iniziative italo–montenegrine il sostegno della Prorettrice Vukcevcic e dell’Ambasciatore Barbanti.
Durante la prima sessione scientifica del convegno, inoltre, il Prorettore Biagini ha illustrato alcune relazioni con cui dal 1879 gli ufficiali italiani dello Stato Maggiore dell’Esercito, fin dalla delimitazione dei confini decisi al Congresso di Berlino dell’anno precedente, evocavano una istintiva amicizia con il popolo montenegrino. Lo straordinario interesse che questi documenti dell’Archivio Ufficio Storico – Stato Maggiore Esercito hanno suscitato nella comunità scientifica e culturale è tale che Antonello Biagini ha annunciato la costituzione di un gruppo di ricerca per la pubblicazione delle Carte – finora in gran parte inedite – sui rapporti dell’Italia con il Montenegro dal 1878 al 1919, che l’Ufficio Storico custodisce dopo un recente e complesso riordino.

 

 

 

Pagina modificata Thursday 3 May 2012